14 Agosto 2022
News
percorso: Home > News > News generiche

15 aprile - L´ALLARME DI DONATI: DOPING E MEDICALIZZAZIONE DISTRUGGONO LO SPORT

16-04-2011 08:50 - News generiche
Generazione di fenomeni
"Sì, ma grazie al doping"

Donati: «che rovina la medicalizzazione nello sport»

l´intervista
Inizia con il consulente dell´agenzia mondiale antidoping, da anni in prima linea in questa battaglia, il nostro viaggio intorno al sommerso e le vittime dello sport malato
l´accusa dell´esperto
Solo nel ciclismo i controlli si fanno a sorpresa, altrove non avviene quasi mai. È chiaro il perché: è lo stesso sistema sportivo che li gestisce e sta bene attento a non decimare i propri "gioielli´ : Quasi il 60% degli sportivi amatoriali controllati dichiarano di assumere farmaci pur non avendo alcuna patologia.
Per combattere il doping bisogna avere la percezione del fenomeno e conoscere a fondo la materia. Come da decenni fa, con continui aggiornamenti, il professor Sandro Donati, consulente Wada (Agenzia Mondiale Antidoping) e autore del Report sui traffici internazionali delle sostanze dopanti.


----------------------------------------------------------------------

Professor Donati, non molto tempo fa lei disse che in base a un suo accurato dossier era venuto a conoscenza che «il 100% dei professionisti facevano uso di Epo e che il fenomeno aveva una ricaduta a pioggia sul dilettantismo. Il dato è ancora questo?
Sostanzialmente sì. L´unica differenza sta nel fatto che ora l´Epo si combina a molti altri trattamenti farmacologici e diverse manipolazioni fisiologiche.

Il professor Umberto Veronesi, provocatoriamente ha parlato di "liberalizzazione dell´Epo" tra gli sportivi. È ancora questa la sostanza più utilizzata o ci sono dei "veleni" ancora peggiori che inquinano il mondo dello sport?
Dobbiamo tutti essere così grati a Veronesi per i suoi studi sui tumori, ma non possiamo non perdonargli la sua evidente ignoranza dell´argomento che sconfina in una pericolosa ingenuità quando afferma che, "nel ciclismo i risultati di vertice possono essere ottenuti anche senza il doping". Attualmente l´Epo viene combinata con una miriade di altri farmaci. Questo insieme di veleni provoca una minaccia costante alla salute dei corridori, fino a che il loro organismo non cede.

Si è sempre detto che l´antidoping sta un passo indietro alla farmacologia utilizzata dagli atleti. Siamo in una fase di controlli serrati ed efficaci, oppure c´è da sospettare che l´abuso di farmaci agisca sotterraneamente incontrastato?
I contenuti delle indagini giudiziarie e in particolare le intercettazioni telefoniche che molti, infatti, non amano, rivelano i numerosi sotterfugi con i quali i ciclisti professionisti riescono spesso a risultare negativi ai controlli antidoping. È la prova inconfutabile della debolezza di questo sistema. Peraltro i controlli antidoping, non tanto nel ciclismo, quanto in altri sport, non vengono quasi mai realizzati a sorpresa. E´ chiaro il perché: è lo stesso sistema sportivo che li gestisce e sta bene attento a non decimare i propri "gioielli", evitando accuratamente controlli antidoping mirati.

Parlare di una generazione di "atleti-drogati" è eccessivo, eppure la realtà è ancora quella di un 50% di ex ciclisti (in Francia) che a fine carriera vanno ad affollare le comunità di recupero per tossicodipendenti?
Non è eccessivo affatto, purtroppo è così. Ma prima ancora di sottolineare il forte ricorso al doping da parte di molti atleti di vertice, dobbiamo ricordare che il marcio è nel manico: nei dirigenti sportivi, soprattutto in quelli di lungo corso che stazionano da decine di anni ai vertici delle federazioni e dei Comitati olimpici nazionali ed internazionali.

I dati più eclatanti e attuali che emergono dal Report?
Riguardano la progressiva diffusione del doping tra i comuni praticanti. Durante il 2010 la Commissione di vigilanza sul doping di cui facevo parte ha controllato un po´ più di 1.000 sportivi amatoriali riscontrando più di 50 casi di positività. A rendere il quadro più chiaro o più fosco, quasi il 60% degli sportivi amatoriali controllati dichiarano di assumere farmaci e un terzo assume 3 o più tipi di medicine pur non avendo alcuna patologia. Un quadro del genere può essere definito solo in un modo: "medicalizzazione della vita e dello sport". Il tutto per la gioia delle industrie farmaceutiche alle quali non basta più vendere i farmaci solo ai malati.

Quanto incide, sul mondo olimpico, il narcotraffico, sia in termini economici che sul piano dell´illegalità?
Il mondo olimpico è, tutto sommato, un microcosmo del pianeta sport: lo popolano 10.000-20.000 atleti al massimo. Il vero grande mondo "narcotizzato" ed il vero business colossale, proviene dagli sportivi dilettanti ed amatoriali. Stiamo parlando di centinaia di milioni in tutto il mondo.

Lei ha sempre detto che i record di nuoto, atletica e le performance del ciclismo sono "anomale" da un pezzo e i responsabili sono sempre gli stessi (dirigenti, allenatori eccetera...). Ma i controlli e le attività di prevenzione che esiti hanno dato?
Secondo i controlli antidoping, solo lo 0,50% degli atleti di alto livello risulta positivo. Poi però appena interviene la magistratura si scoperchiano verminai diffusi. Tanto per cominciare i controlli e le attività di prevenzione dovrebbero essere svolti da Agenzie estranee al mondo dello sport. In Italia invece è il Coni che si è proposto come "Agenzia terza" atta a svolgere i controlli. Lo fa con la complicità dei Governi. Sarebbe interessante se qualche ricercatore, libero dal classico ricatto del "ti finanzio se fai il bravo", finalmente intraprendesse uno studio approfondito sulla stretta complicità, che esiste in tutti i Paesi, tra i leader politici e i grandi capi dello sport.

C´è stato un momento nel calcio in cui Zdenek Zeman ha denunciato: "Fuori pallone dalle farmacie". Era il ´98, poi dopo l´epidemia dei calciatori "nandrilonati" è calato il silenzio. Ma il calcio, l´industria dello sport più ricca che esista, è davvero fuori da ogni sospetto?
Ma quando mai? I tifosi malati di calcio pensano forse che le masse muscolari, la potenza e l´aggressività di molti calciatori loro idoli siano il frutto di una mutazione genetica o di migliori sistemi di allenamento? Prima dello scandalo del Laboratorio antidoping di Roma non dicevano tutti che nel calcio il doping non esisteva? Certo, non esiste se non lo si vuole trovare...

In Spagna si vocifera che da un momento all´altro verrà fuori un putiferio di verità su campioni e intere squadre dopate...
Dubito che accadrà. Dopo che è stata insabbiata l´Operaciòn Puerto, un altro segnale è arrivato addirittura dal premier Zapatero che ha difeso pubblicamente Contador dall´accusa di doping.

Tanti "pentiti di doping" si rifanno alla figura di Pantani. Lei in proposito disse: "L´autopsia di Pantani fa riferimento solo alle sostanze prese poco prima del decesso, noi invece dobbiamo pensare agli effetti devastanti del doping assunto sul lungo periodo". Quanti Pantani ci saranno da qui in futuro?
Ci sono già tanti podisti amatoriali che muoiono durante le maratone, culturisti che vanno nell´al di là per le gravi anomalie cardiache, atleti di alto livello che muoiono prematuramente - e più del resto della popolazione - di tumore.

Tra i professionisti dello sport dilaga il consumo della cocaina, eppure le federazioni sembrano non curarsene.
Di fronte alle numerose positività alla cocaina, il sistema ha compiuto una virata a 180 gradi tendendo ad affermare che l´uso di questa droga vada visto non tanto come doping, quanto come cattivo stile di vita. Quindi la "coca" non va ricercata nei controlli antidoping a sorpresa. Il professionismo ipocritamente bada al corretto svolgimento delle competizioni e non si preoccupa delle conseguenze che comporta l´abuso di cocaina sulla salute degli atleti.

Come ci si droga in età adolescenziale, anche il "dopato-sportivo" anagraficamente è sempre più giovane?
Nel caso del doping amatoriale è esattamente l´opposto: si dopano i padri e le madri di famiglia. Ci sono frotte di quarantenni e cinquantenni che spendono centinaia, migliaia di euro al mese per doparsi e tentare di primeggiare nelle gare. Vi lascio immaginare come questi padri di famiglia possano poi intendere la pratica sportiva dei propri figlioli...

Da "Avvenire" del 15 Aprile 2001 a firma di Massimiliano Castellani


Fonte: SPORTPRO.IT

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie