01 Marzo 2024
News
percorso: Home > News > News generiche

Tor des Geants

11-09-2013 08:07 - News generiche
Tragedia durante la prima tappa. Caduta fatale per un atleta cinese

L´asiatico, 43 anni, è morto la scorsa notte dopo aver sbattuto la testa sulla roccia durante una discesa dell´endurance Trail Italiano. Il dramma è avvenuto nella zona del Lac du Fond, in Valgrisenche . La gara proseguirà ma i corridori criticano l´organizzazione.

Un concorrente morto e 10 out per una lieve ipotermia. E´ molto pesante il bilancio della prima tappa del Tor des Geants, il durissimo endurance trail della Val d´Aosta che è partito ieri e si concluderà il 15 a Courmayeur (che è anche il luogo di partenza della competizione), un´ultramaratona da 330 km e 24.000 metri di dislivello.

Discesa fatale — Il dramma si è verificato la notte scorsa, verso le 23. Un corridore cinese di 43 anni, Yuan Yang, è morto per un grave trauma cranico riportato in una caduta nella zona del Lac du Fond, sotto al colle della Crosatie (Valgrisenche). Secondo i testimoni - altri atleti che percorrevano col concorrente cinese quel tratto di percorso - la vittima, sorpresa da una bufera di vento, sarebbe caduta mentre percorreva in discesa un sentiero reso inoltre viscido dalla pioggia, a circa 2.650 metri di quota urtando con violenza la testa contro le rocce. Giunto a piedi sul posto, il medico del 118 ha riscontrato un grave trauma cranico. Il corridore cinese è deceduto poco dopo. A causa del buio non è stato possibile portar via il corpo: due elicotteri della protezione civile hanno raggiunto in mattinata il luogo dell´incidente anche per trasportare a valle altri 10 concorrenti che soffrivano di lieve ipotermia. Nel sottolineare che nei quattro anni di Edizioni del Tor des Geants questo è il primo incidente mortale, l´organizzazione fa sapere che la gara proseguirà.

Critiche all´organizzazione — Le polemiche però non mancano: "Il maltempo era annunciato da giorni - spiega all´Ansa Francesco Cesaracciu, di Pont-Saint-Martin (Aosta), uno degli atleti che precedevano la vittima -, stupisce che non siano stati presi provvedimenti per tempo. Facevamo fatica a procedere, il vento era fortissimo. Molti di noi gattonavano per non cadere, abbiamo sentito un urlo ma non abbiamo assistito all´incidente. Subito abbiamo allertato i soccorsi". Così invece Raffaele Brattoli di Peschiera Borromeo (Milano). "Non è stato l´unico incidente, abbiamo inoltre visto cadere in una scarpata un corridore francese che è stato soccorso dalle guide e sembra abbia avuto dei problemi a una gamba. Aiutati dai soccorritori, con i vestiti bagnati e al freddo siamo stati al riparo sino alle 6.30 dentro un container che era stato allestito nelle vicinanze. Poi l´elicottero è venuto a prenderci".

Skyrunner salvato dalla polizia — Dalla tragedia Valdostana ad un dramma evitato in Francia. Ma solo grazie al pronto intervento dei soccorritori. Sta infatti bene il 4 volte campione del mondo di skyrunning Kilian Jorbet, salvato sabato notte dalla polizia transalpina sul massiccio del Monte Bianco dov´era rimasto intrappolato dal maltempo a 3800 metri. Era equipaggiato solo con sneaker, un errore che secondo la gendarmeria di montagna avrebbe potuto costargli la vita.


Fonte: gazzetta.it
 

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie